venerdì, Maggio 24, 2024

Global Solo Challenge da RTM

 

Global Solo Challenge: non so quanti amici di RTM seguono questa regata, ma nel dubbio vi riporto alcuni brani scritti da Marco Nannini in occasione del doppiaggio di Capo Horn da parte della velista americana Cole Brauer il 26 gennaio. Di seguito anche un aggiornamento sulle posizioni dei regatanti rimasti in gara, fra i quali spicca Riccardo Tosetto, Andrea Mura, e Alessandro Tosetti

Un’emozionata ed emotiva Cole Brauer ha condiviso il suo passaggio di Capo Horn in diretta su Instagram da First Light. Lacrime, gioia e un’ondata di sollievo hanno punteggiato il suo commento in diretta mentre amici, familiari e follower erano in grado di inviare messaggi e condividere il momento speciale con lei. Ha doppiato il capo alle 12:30 UTC mentre navigava verso est sotto code zero frazionato e randa ridotta, troppo lontano per vedere il Capo, come spesso accade quando si sceglie una rotta in mare aperto dopo forti venti per evitare il rischio di onde frangenti in acque più basse. Sentite congratulazioni vanno a Cole per il questo traguardo. Sarà felice di tornare presto al caldo!

Questa settimana è stata un susseguirsi di aggiornamenti sulla delicata e difficile discesa di Cole Brauer, sul suo Class40 Numero 54, First Light, verso il più leggendario dei capi, Capo Horn. Dopo quasi 20.000 miglia nautiche e 3 mesi in mare, la talentuosa giovane skipper americana sta per raggiungere un traguardo che pochissime persone hanno mai raggiunto. Se riuscirà a portare a termine con successo la Global Solo Challenge, Cole Brauer scriverà una pagina di storia della vela, prima donna americana a completare una circumnavigazione solitaria senza scali passando per i tre Grandi Capi, unendosi a un’élite di meno di 200 persone che abbiano mai raggiunto questo traguardo.
Anche prima di raggiungere la fine di questa avventura, entrerà a far parte di quello speciale gruppo di velisti che hanno avuto l’onore di circumnavigare Capo Horn a vela e diventerà socia dell’International Association of Cape Horners. Riceverà un messaggio di congratulazioni da nientemeno che Sir Robin Knox-Johnston in persona, il primo a completare una circumnavigazione in solitaria senza sosta nel 1968-1969.

Capo Horn è spesso definito come l’Everest dei mari, per indicare quanto sia pericoloso e difficile riuscire a doppiare Capo Horn a vela. A dire il vero, il numero di persone che hanno raggiunto la vetta del Monte Everest è circa il doppio di quelle che in un modo o nell’altro hanno doppiato Capo Horn durante una circumnavigazione, sia in solitario che con un equipaggio, senza sosta o in una navigazione con scali. Se contiamo solo i circumnavigatori solitari, ci sono 30 volte più persone che hanno scalato il Monte Everest rispetto ai circumnavigatori solitari che sono passati dai tre grandi capi.

Se questo ancora non basta a darvi un’idea dell’entità dell’impresa, ci sono stati infatti circa 3 volte più esseri umani ad essere andati nello spazio che circumnavigatori solitari che hanno doppiato Capo Horn. A 29 anni, questa impresa è destinata a segnare un punto di svolta nella vita per Cole in termini di tutto ciò che seguirà.

Ovviamente dovremo aspettare che raggiunga A Coruna prima di chiamarla circumnavigatrice, ma spero che siate tutti d’accordo che questo passaggio, questa pietra miliare, è un momento che non dimenticherà mai. Sentirà sicuramente anche che questo traguardo sarà stato pienamente meritato, nell’ultima settimana ha dovuto destreggiarsi attraverso diverse difficili tempeste nel tentativo di trovare la miglior rotta per raggiungere il capo.

Il rapido susseguirsi di violente tempeste è stato così insidioso che Cole non ha avuto altra opzione se non quella di calcolare pazientemente le sue mosse nel Pacifico del Sud come una pedina su una gigantesca scacchiera spazzata dalle burrasche pronte a toglierla dal gioco; ha dovuto saltare dei turni rallentando e lasciando passare alcuni dei colpi di vento più pericolosi, poi avanzare furtivamente, correre in poppa e usare ogni sorta di tattica per mantenere condizioni gestibili che non mettessero a rischio tutti gli sforzi fatti fino a quel momento.

Questo ha inevitabilmente portato alla perdita di tempo prezioso nel suo inseguimento del leader Philippe Delamare, ma saggiamente ha accettato che doveva guardare al quadro generale, e non potremmo essere più d’accordo, poiché arrivare a destinazione e completare significherà tanto per lei; rompere la barca e ritirarsi sarebbe un esito disastroso. Fino ad ora ha giocato molto bene le sue carte.

Philippe Delamare ha doppiato Capo Horn il 9 gennaio e, sebbene il suo avvicinamento a Capo Horn sia sembrato meno drammatico in termini di numero e gravità delle tempeste sul suo percorso, dobbiamo riconoscere a Philippe che ha proseguito e doppiato il temuto capo in condizioni difficili, proprio mentre un fronte freddo stava passando, e ha deciso di tirar dritto senza aggiungere miglia al suo percorso. Fino a questo momento, questo è stato il fattore chiave della sua navigazione che ha reso possibile a Philippe di conservare un così solido vantaggio sui suoi avversari. La sua robusta barca in alluminio non è capace di surfare con velocità a doppie cifre o di battere record di velocità, ma non ha incontrato problemi tecnici significativi e non ha dovuto deviare per evitare tempeste, cosa che invece abbiamo visto come tattica ricorrente usata dai skipper di barche da regata più leggere e delicate.

Per dare un esempio, Andrea Mura su Vento di Sardegna ha navigato per 2 giorni consecutivi a ritmo record nella Global Solo Challenge, navigando prima 313 miglia nautiche seguite da una giornata di 322 miglia nautiche, che equivale a una media tra 13,1 e 13,4 nodi nell’arco di 48 ore. Cole ha ottenuto una migliore percorrenza di 286 miglia in 24 ore, con una barca quindi capace di mantenere velocità medie intorno ai 12 nodi. La media di Philippe fino ad ora è di 7,3 nodi e solo in rari momenti ha superato gli 8-9 nodi di media e solo in poppa nei suoi giorni migliori. Tuttavia, Philippe mantiene il miglior rapporto tra miglia percorse e miglia teoriche, avendo navigato centinaia e centinaia di miglia in meno rispetto alla maggior parte dei suoi concorrenti, oltre 800 in meno rispetto a Cole. Navigando a una media di 7,3 nodi, questo si traduce per Philippe in diversi giorni di navigazione risparmiati.

L’equilibrio tra velocità e preservazione della barca è certamente stato uno degli aspetti più interessanti da considerare in questo evento, con barche di diversi tipi possiamo apprezzare come diverse barche portino a diversi stili di navigazione. Il podio virtuale vede attualmente Philippe Delamare primo su un cruiser racer in alluminio progettato negli anni ’80, Cole Brauer al secondo posto su un leggero Class40 del 2008 da 4800 kg, e Andrea Mura su un leggero Open 50 del 2000 che pesa poco più di 6 tonnellate e con chiglia basculante. Siamo molto lieti di vedere che il podio attuale è composto da rappresentanti di 3 stili di barche e di navigazione. Questo era ancora più significativo prima che Dafydd Hughes su Bendigedig si ritirasse dall’evento a Hobart, all’epoca era primo complessivamente sull’acqua (e aveva ripetutamente occupato il secondo e terzo posto nella classifica del tempo di arrivo previsto ETA), ed avremmo potuto avere potenzialmente una classifica finale di arrivo con barche che vanno dalla più piccola e vecchia, un S&S34, a un Open 50, che è esattamente ciò che la Global Solo Challenge mirava a realizzare, dare a chiunque con qualsiasi barca adatta l’opportunità di intraprendere una circumnavigazione in solitario e anche farlo in modo competitivo.
È probabilmente un po’ presto per parlare della classifica finale, anche se le posizioni stanno iniziando a definirsi sempre più chiaramente. Al terzo posto sull’acqua, Ronnie Simpson con Shipyard Brewing si è trovato di fronte a uno scenario meteorologico difficile da affrontare e, con scelte simili a quelle di Cole Brauer, ha dovuto accettare una strategia conservativa per preservare la barca che lo ha costretto a navigare più lentamente per alcuni giorni a discapito del suo tempo di arrivo stimato (ETA). Al quarto e quinto posto abbiamo una battaglia in corso tra Riccardo Tosetto su Obportus e Francois Gouin su Kawan3 Unicancer. Al sesto posto sull’acqua c’è Andrea Mura su Vento di Sardegna, le cui recenti eccellenti medie giornaliere lo hanno fatto salire nella classifica ETA consolidando il suo terzo posto stimato, avvicinandosi sempre più al secondo posto di Cole Brauer, che potrebbe essere a rischio se dovesse trovare condizioni lente dopo aver doppiato Capo Horn e l’opposto dovesse accadere per lo skipper italiano.

Al settimo posto abbiamo David Linger su Koloa Maoli, che abbiamo recentemente lodato per il suo approccio all’evento, con una solida e attenta performance che testimonia che questa sfida può essere affrontata con saggezza e pazienza, certamente a discapito della velocità complessiva, ma non a discapito dell’eccezionale avventura che questi skipper stanno vivendo. Lo stesso si dovrebbe dire di William MacBrien all’ottavo posto, che ha proseguito in tempeste o sistemi meteorologici difficili, riferendo sempre di essere entusiasta della sua avventura.

Attualmente fermo nel Porto di Bluff, Isola del Sud, Nuova Zelanda, Pavlin Nadvorni occupa il nono posto e dovrebbe essere in grado di ripartire all’inseguimento di William MacBrien (che è partito lo stesso giorno di Pavlin da A Coruna) dopo aver effettuato alcune riparazioni essenziali alla rotaia della randa e a sistemare altri problemi.
Al decimo posto sull’acqua, Louis Robein si sta dirigendo per una sosta a Hobart, che dovrebbe raggiungere all’inizio della prossima settimana. All’undicesimo posto, attualmente fermo a Port Lincoln, c’è Edouard De Keyser su Solarwind, che è stato costretto a deviare verso un porto sicuro dopo aver rotto il timone di dritta. È difficile dire con certezza se sarà in grado di ripartire prima della sua data limite fissata per regolamento al 2 febbraio.

Al dodicesimo posto, Alessandro Tosetti su Aspra ha tenuto buone medie nelle scorse settimane dopo una lenta discesa dell’Atlantico e una sosta a Città del Capo per problemi tecnici. Al tredicesimo posto, all’altezza delle Kerguelen, si trova l’australiano Kevin Le Poidevin su Roaring Forty, che occupa l’ultima posizione a causa della sua partenza ritardata da A Coruna per un infortunio alla schiena e ad alcuni problemi tecnici.
Dei 16 iscritti che sono partiti, 3 sono gli skipper che si sono ritirati. Juan Merediz su Sorolla una settimana dopo la partenza a causa di problemi all’autopilota, Dafydd Hughes su Bendigedig che per problemi all’autopilota ha dovuto fare rotta su Hobart dove ha deciso di ritirarsi e non ripartire dopo riparazioni. Ari Känsäkoski ha disalberato il 21-22 dicembre e dopo un’incredibile navigazione di 25 giorni e 1200 miglia con armo di fortuna, ha raggiunto Durban in Sud Africa dove sta valutando le sue opzioni, incluso la possibile riparazione del suo albero.

La Global Solo Challenge sta offrendo tutto ciò che speravamo con un mix di storie veramente affascinanti di resilienza umana, ingegnosità, drammi, difficoltà, nonché successi ed emozionanti ed epiche navigazioni veloci. Rimanete sintonizzati.