mercoledì, Luglio 24, 2024

Progetto destinazione Dahlak 1 . 2 . 3


Destinazione Dahlak 1
27 dicembre 2012

La settimana scorsa ci siamo incontrati al Frangente con Antonio Penati e Paolo Liberati per farci gli auguri, scambiarci un po’ di info e concordare i primi punti da affrontare.

Abbiamo confermato il “chi fa che cosa” (a parte l’ovvia interscambiabilità), e cioè:

  • Antonio: pianificazione dell’itinerario, della sicurezza (impiantistica di bordo) e del meteo, oltre alla divulgazione del progetto attraverso i canali direttamente seguiti ed il network del Frangente
  • Paolo: permessi per transitare dai vari paesi che si toccheranno, e quindi della burocrazia che dovrà essere affrontata e delle PR
  • Mario: organizzazione operativa e della prenotazione per la flotta nei porti/marina di transito, contatti con le agenzie locali per i tour durante le soste.

Si ipotizza che la flottiglia potrebbe essere composta da una decina di imbarcazioni, e per questo inizieremo da subito a raccogliere le intenzioni di adesione, in modo da essere pronti fra un anno, nel 2013, con il programma dettagliato che potrebbe essere presentato alla Fiera di Genova.

Abbiamo confermato che l’appuntamento potrebbe essere ad Alanya a settembre del 2014, anche se verrà proposto un percorso di avvicinamento dall’Italia attraverso la Grecia e la Turchia a partire dalla primavera.

Sperando che entro due anni siano superate le difficoltà politiche nei paesi che sono interessati dal percorso, la crociera dovrebbe partire da Alanya (Turchia) a novembre 2014, toccare Cipro, Libano se possibile), Israele, Egitto, per entrare nel mar Rosso a dicembre e scendere fino a Port Galib dove aspettare il nuovo anno 2015.  Quindi dopo le feste partire verso il Sudan, ultimo porto servito Massawa, Eritrea, e rientrare verso il canale di Suez ad aprile.

Poi si deciderà se rimanere nel Mar Rosso o rientrare subito nel Mediterraneo.

Uno dei punti che assicureranno la riuscita del progetto sarà la presenza di equipaggi che siano interessati a vivere questa esperienza, che non si presenta solo come una crociera di piacere, bensì come un viaggio di conoscenza attraverso ambienti ancora vergini al turismo, che offriranno la soddisfazione di intraprendere via mare un’avventura unica nel suo genere.

Il vantaggio della formula in “flottiglia” dovrebbe assicurare una reciproca assistenza, tenendo presente che in un periodo di almeno 6 mesi saranno interessate molte decine di persone, relativi imbarchi e sbarchi, assoluta partecipazione responsabile alla gestione della barca durante la vita di bordo.

Come ogni progetto anche questo avrà un obiettivo, un programma, una pianificazione della attività e dei tempi da rispettare, una particolare attenzione alle risorse umane ed economico/finanziarie, una fase di controllo e di riscontro da parte di quanti vorranno impegnarsi a collaborare per la riuscita del progetto stesso.

Verranno definite la formula organizzativa (fondazione-associazione-???), la quota di adesione per imbarcazione, i posti disponibili e  le presumibili quote di partecipazione.

Ogni imbarcazione sarà gestita dall’armatore/skipper e potrà imbarcare membri di equipaggio che si proporranno alla segreteria attraverso la promozione della crociera.

Saranno logicamente previste le logiche/regole di partecipazione, una policy anche etica da rispettare, le dotazioni che ogni barca dovrà avere, le garanzie assicurative, identificati i possibili riferimenti per le assistenze tecniche su cui contare durante le varie tappe, e la visibilità che vorremo dare all’iniziativa soprattutto attraverso gli incontri ed il web.

Al riguardo cercheremo di avere un supporto da parte di società operanti nel settore della nautica, e per questo si accettano sin d’ora suggerimenti al riguardo.

I prossimi appuntamenti/argomenti da approfondire potrebbero essere:
Entro fine gennaio una prima revisione del progetto alla luce delle considerazioni emerse agli incontri e dal web.
Info sulla navigazione-guardia costiera, capitanerie
Agenzie in loco su cui fare riferimento
Società del settore nautico da contattare per veicolare il progetto
Info meteo
Portolani e carte,porti, ancoraggi
Abbigliamento
Assistenza medica-cirm
Comunicazione satellitare o via etere (SSB)
Assicurazione
Promozione nei circoli nautici

Chiediamo a tutti gli amici velisti che ci leggono di inviare suggerimenti e riflessioni al riguardo, oltre all’interesse di partecipare o con la propria imbarcazione o di imbarcare come equipaggio.

A tale riguardo chiediamo un riscontro/interesse:

  • per gli armatori sull’intenzione di adesione comprensivo dell’imbarcazione e numero posti a bordo
  • per gli interessati all’imbarco il nominativo ed il tempo disponibile.


Destinazione Dahlak 2
5 febbraio2013

I giorni passano, e mentre sono già alla vigilia della partenza per il mio secondo viaggio in Pacifico, anche “Destinazione  Dahlak” prende corpo  piano piano.

Mi sono visto con Antonio Penati ieri sera al Frangente, ed abbiamo scambiato 4 chiacchiere sull’interesse che il progetto sta destando sul network. Piace molto l’idea, e speriamo che al momento giusto anche le adesioni siano sufficienti a garantire un viaggio in sicurezza ed in buona compagnia.

Il progetto potrebbe essere presentato alla fiera del mare di Genova il prossimo ottobre, e per allora saranno pronti anche i dettagli.

Avremo individuato i possibili marina dove sostare, i referenti locali durante la permanenza, per visitare i dintorni durante le soste. Paolo ci darà le informazioni sulla burocrazia per entrare nei vari paesi, e così potremo formulare un piano orientativo dei costi da sostenere.

Nel frattempo Antonio ha già preparato un itinerario ipotizzabile, che vi allego, così se qualcuno vuole prendere visione di dove e come raggiungermi può già iniziare a farlo.

Speriamo che le condizioni politiche migliorino per la fine del 2014, ed i paesi che si affacciano sul Mar Rosso trovino stabilità: mancano quasi 2 anni, e c’è tutto il tempo.

Come vedrete l’appuntamento per la partenza è stato ipotizzato a Cipro, lato Greco, per evitare la burocrazia Turca, ed anche per la facilità di fare A/R dall’Italia fra settembre e novembre, lasciando la barca sicura in unmarina.

Chi invece è già in Turchia, potrà fare sosta ad Alanya e poi con poche decine di miglia raggiungere Cipro a Novembre.

Paolo Liberati, che è nato in Eritrea, ha preparato le news per il suo network, e per non fare duplicati inutili ve le allego.

Alla prossima

Mario


Destinazione dahlak-3
10 luglio2013

Purtroppo il Colpo di Stato in Egitto del 2013, attuato il 3 luglio 2013 dall’esercito nazionale contro il Presidente egiziano Mohamed Morsi, ha vanificato la realizzazione del progetto Dahlak

 

PRESENTAZIONE DI PAOLO DEL PROGETTO

DEPLIANT PROGETTO